Associazione Radioamatori Italiani - Sezione 9101 Trapani

 Home  Arch. News  Documenti  Curiosità  Attività  Sezione  Protez. Civile  Mercatino 


GUGLIELMO MARCONI IL 1° RADIOAMATORE DEL MONDO

Le radiocomunicazioni nacquero come conseguenza di una serie di esperienze fisiche su fenomeni elettrici effettuate in paesi diversi da ricercatori quali Volta, Ampère, Gilbert, Faraday, Maxwell, Kelvin, Cavendish, per nominarne solo alcuni; fu tuttavia Heinrich Hertz che, per primo, accumulando le proprie conoscenze di fisico teorico con le esperienze fatte da altri, e particolarmente con quelle di Clark Maxwell, realizzò la prima trasmissione e ricezione di onde radioelettriche nell'anno 1887.

Guglielmo Marconi, applicando a sua volta le conoscenze dei precedenti ricercatori, mise a punto, nel settembre del 1895, il primo sistema pratico di emissione e di ricezione delle onde hertziane; nel 1897 trasmise dei segnali ad una distanza di qualche decina di chilometri attraverso la Manica e nel dicembre del 1901 riuscì a captare, a Saint John di Terranova (Canada) la lettera "S" dell'alfabeto morse che gli era stata trasmessa nel medesimo codice da Poldhu, in Cornovaglia (Gran Bretagna). Nella prima fase dei suoi esperimenti, Marconi operava come ricercatore puro, senza ancora alcun legame con complessi industriali e pertanto può essere considerato il 1° radioamatore del mondo.

(tratto da: storia del radiantismo italiano da Marconi al 2000 - Edito da ARI)

 

Publicato il 30-01-2006 alle ore 09:15
da IT9JZK/Giurlanda Mario