Associazione Radioamatori Italiani - Sezione 9101 Trapani

 Home  Arch. News  Documenti  Curiosità  Attività  Sezione  Protez. Civile  Mercatino 


CRONACA EMERGENZA METEO IN PROVINCIA DI TRAPANI DEL 1 FEBBRAIO 2009

Sono le ore 08:58 di domenica 1 febbraio 2009, riceviamo la chiamata da parte del Responsabile Protezione Civile della Prefettura di Trapani Dott. Tartaro, in merito ad emergenza meteo in corso in tutta la Provincia di Trapani ed in particolare nella zona di Castellammare del Golfo ed Alcamo Marina. Un forte temporale nelle prime ore del mattino ha infatti causato l’esondazione di alcuni fiumi e torrenti della zona con conseguenze anche gravi. Subito si recano presso la sala radio della Prefettura Enzo IT9ECQ, Salvatore IW9FRA e Mario IT9JZK, successivamente tramite il ponte radio R7 di Erice si cerca di raggiungere altri soci della Sezione ARI di Trapani e della Sezione ARI di Alcamo.

Il Dott. Tartaro ci informa che purtroppo il fiume San Bartolomeo, nei pressi della foce ha straripato e causato il decesso di un sessantenne che si trovava nella sua abitazione di campagna e che la situazione, visto che le precipitazioni continuano, è da monitorare attentamente. Anche un ventisettenne a Mazara del Vallo a causa della pioggia fortissima è deceduto urtando con il suo SUV contro un guard-rail. Nel frattempo anche Carlo IT9KKE e Franco IT9OTF, nonché Mario IT9YEM arrivano in prefettura. I nostri soci IT9COR e IT9CNP da Cinisi e Terrasini ci fanno da ponte radio su un QSO locale della zona di Alcamo su 145.450 e subito fanno spostare su R7 gli operatori. Francesco IT9JAM da Partinico ci mette subito in contatto con IT9ICV, IT9GUH e IT9ICA, in pochi minuti la maglia si allarga e cominciano a farsi sentire alcune stazioni mobili per la rilevazione delle problematiche. In particolare Massimo IT9GUO che si trova a circa 3 Km da Alcamo comincia a percorrere la SS113 in direzione Alcamo Marina e ci notifica la presenza di numerosi esondazioni con fango e tronchi del fiume Gaggera e la notevole presenza di acqua nei pressi della Stazione ferroviaria di Alcamo Diramazione.

Tramite R0 gli amici della Sezione Provinciale ERA, Sergio IW9EPJ ed Eugenio IW9HRH si mettono a disposizione ed offrono la loro professionalità. Salvatore IW9FRA si mette alla radio e facendo da capo maglia cerca di intrattenere la rete di informazioni che giungono con precisione dalle stazioni mobili nonché dagli operatori in stazione fissa della zona. Subito la situazione generale appare abbastanza grave, infatti i fiumi Fiumefreddo, Gaggera, e San Bartolomeo sono esondati in più parti causando blocchi della viabilità stradale e ferroviaria, alcune famiglie risultano isolate nei pressi della foce del fiume San Bartolomeo ed addirittura il fango e la forza delle acque hanno causato il crollo delle mura perimetrali di alcune abitazioni. Sua Eccellenza il Prefetto di Trapani Dott. Stefano Trotta viene a trovarci in sala radio per avere maggiori delucidazioni sulle informazioni ricevute. In particolar modo si rileva che la zona di Alcamo Marina è stata colpita con violenza dal nubifragio e la grande quantità di pioggia e grandine caduti hanno causato appunto le esondazioni, le caratteristiche morfologiche del territorio hanno contribuito negativamente alla morte di una persona, rimasta intrappolata all’interno della sua abitazione nelle vicinanze del fiume San Bartolomeo. Massimo IT9GUO ci segnala che dal suo punto di vista elevato rileva fango e legname in mare fino a circa 2km dalla costa e che l’energia elettrica ad Alcamo Marina è mancante. Tutte le informazioni ricevute via radio vengono passate all’attiguo ufficio di Protezione Civile il quale coordina le operazioni dei Vigili del Fuoco, delle Forze dell’Ordine, dei Vigili Urbani e dell’ANAS. Già alle ore 11:00 Sergio IW9EPJ ci informa che il livello dell’acqua comincia a tornare alla normalità e che i mezzi meccanici e pesanti stanno liberando la carreggiata della SS113 in più parti tra Calatafimi, Segesta e Castellammare del Golfo.

Gli operatori presenti in Prefettura si organizzano con turni ed alle ore 13:00 Enzo IT9ECQ prende il controllo della maglia, le informazioni che si susseguono diventano via via più confortanti e la pioggia comincia a cessare spostandosi verso Est in direzione Palermo.

Alle ore 15:30 una riunione di coordinamento Protezione Civile dichiara la situazione sotto controllo ed alle ore 17:30 circa gli operatori IT9ECQ, IT9YEM e IT9GDS lasciano la Prefettura per passare in ascolto su R7 per eventuali comunicazioni. L’esperienza sul campo acquisita durante questa emergenza ci ha consentito di riconoscere e distinguere le problematiche inerenti, in modo da poter auto-migliorare, allo scopo abbiamo deciso di concerto di riformulare il nostro piano di emergenza, di intrattenere costantemente rapporti con le altre associazioni radiantistiche del territorio ed abbiamo subito avviato la pratica per l’iscrizione all’Albo Regionale di Protezione Civile. Un ringraziamento sentito va, oltre agli operatori delle Sezioni ARI di Trapani ed Alcamo, anche alla Sezione Provinciale ERA di Trapani per l’ottima collaborazione. Un sentimento di cordoglio va invece alle famiglie delle due vittime del maltempo nella Provincia di Trapani.

 

 

Publicato il 03-02-2009 alle ore 10:25
da IT9JZK/Giurlanda Mario

Photogallery Emergenza meteo del 1 Febbraio 2009